Windows Live Messenger 2011: ecco quali sono le novità

 

Windows live messenger 2011

 

Con l’uscita di Windows Live Essentials 2011 è arrivata anche la nuova versione del popolare sistema si messaggistica istantanea.

Scopriamo le novità.

Dall’ultima versione di Messenger a quella attuale ne è passata di acqua sotto i ponti e le novità, soprattutto nel mondo del web, sono state notevoli.

 

Prima fra tutte la grande evoluzione e il conseguente successo dei social network primo fra tutti il popolare Facebook.

 

Windows Live Messenger è il nome scelto per  la nuova versione del client di chat più diffuso del mondo.

 

Le novità sono numerose, facciamo una breve carrellata:

 

 

  1. Integrazione Social Network: sarà possibile essere a conoscenza delle novità pubblicate dai nostri amici su Facebook, MySpace e LinkedIn e seguire l’evoluzione dei loro profili.
  2. Videochiamata: la sezione della video chiamata è stata potenziate per consentire agli utenti delle sessioni di videochat più performanti
  3. Modalità di visualizzazione: sono previste due modalità di visualizzazione, quella ridotta, che è il classico elenco di contatti a cui siamo abituati e quella completa mostrata nell’immagine di questo articolo. Questa modalità consentirà di poter avere l’elenco degli utenti sul lato destro della schermata mentre il lato sinistro sarà dedicato all’integrazione con i social network
  4. Gestione dei contatti migliorata: tra le novità è di sicuro interesse la possibilità di risultare offline per alcuni contatti e online per altri.E’ inoltre possibile distinguere i gruppi per i quali si è in linea e quelli per i quali non si è connessi.
  5. Gestione suoni: stanchi del solito suono per il trillo o per l’accesso di un contatto?Da oggi potrete modificarli con quelli propost, io ad esempio al posto del trillo ho messo un bel gong.

Queste sono solo alcune delle principali novità, il resto ve lo lascio scoprire utilizzando il nuovo prodotto Microsoft.

 

Da segnalare che non è ancora stata implementata la possibilità di accedere con più account e che per questo tipo di utilizzo si dovrà ricorrere ad un software di terze parti.