Proteggiamo la nostra privacy su Facebook

 

fb privacy

 

Il problema della privacy è il cruccio culminante di molte applicazione web 2.0, infatti proprio Facebook è stato al centro di numerose polemiche proprio per le difficoltà nella gestione della privacy dei propri utenti.

E’noto che una volta registrati a Facebook chiunque può vedere quanto pubblicato in profilo o sulla bacheca a meno di una nostra esplicita volontà nel nascondere alcune informazioni.

 

Alcuni fatti di cronaca, possono farci capire il danno che può subire un utente nel momento in cui viene leso il suo diritto alla privacy. In Gran Bretagna, un’impiegata è stata licenziata per aver parlato male della sua azienda proprio sul popolare social network.

La signora sarebbe stata ancora al suo posto se avesse attivato un controllo sulla privacy per permettere solo ai suoi amici di vedere il proprio profilo.

 

Come possiamo decidere quali informazioni rendere pubbliche, quali note solo agli amici, e quali strettamente personali?

 

Ecco come procedere per tutelare la propria privacy:

 

 

  1. Accedere al proprio account Facebook
  2. Cliccare sulla voce Account del menù in alto a destra.
  3. Dal menù a tendina che viene visualizzato selezionare la voce Impostazioni sulla privacy

La sezione è divisa in varie categorie tutte completamente modificabili:

 

  1. Informazioni personali e post: per controllare chi possa vedere foto e video pubblicati e chi ha il permesso di scrivere sulla nostra bacheca.
  2. Informazioni di contatto: vedere chi può contattarci, vedere le nostre informazioni ed eventualmente il nostro indirizzo mail.
  3. Amici,Tag e connessioni: per specificare se amici, tag e connessioni siano visibili sul proprio profilo.
  4. Ricerca: controlla chi può vedere i risultati di ricerca su Facebook e nei motori di ricerca.
  5. Applicazioni siti web: per controllare quali informazioni sono condivise con le applicazioni Facebook che usiamo.
  6. Elenco utenti bloccati: per controllare gli utenti che abbiamo bloccato su Facebook e magari sbloccarli.

A questo punto non vi resta che armarvi di pazienza e configurale le opzioni di privacy nel modo che ritenete più opportuno.